fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune

fuoriregistro #2 Bene comune

Prezzo di listino €15

Tasse incluse.

fuoriregistro è un progetto curatoriale e artistico corale i cui protagonisti sono coloro che vivono nelle istituzioni, scuole, accademie, ospedali, carceri, ma troppo spesso non hanno voce né rappresentanza. La pubblicazione indaga il rapporto che intercorre tra educazione e arte contemporanea, relazione considerata centrale nelle sperimentazioni e nel dibattito attuale sul ruolo dell’arte che vuole collocarsi fuori da una poetica autoreferenziale e impegnarsi in un lavoro critico comunitario e nello sviluppo di un clima di partecipazione e creatività condivisa.

Ogni numero, con una cadenza annuale, ha un nucleo tematico-teorico sempre diverso, a partire da esperienze e occasioni reali, con approfondimenti, contributi e collaborazioni italiane e internazionali. Ogni numero sarà accompagnato da alcune copie in tiratura limitata, progetti e contributi artistici.

---

Il tema del secondo numero è il bene comune, emerso in modo spontaneo nel 2020 in seguito alle discussioni scaturite dal progetto partecipativo svolto con la comunità di Castelbuono La Stanza delle Meraviglie, curato da Maria Rosa Sossai per il Museo Civico di Castelbuono. 

Bene comune, nel lavoro redazionale, ha significato prima di tutto “abitare il linguaggio dell’altro/a” e riflettere sulle interazioni con altre comunità nel tempo della pandemia che ha dettato le sue condizioni di vita.

Ma bene comune è, in termini più ampi, il campo dove sperimentare e fare incontrare diverse forme di pensiero, di energie creative, dialogando con le istituzioni, soprattutto quando quest’ultime sembrano non rispondere alla collettività. Bene comune è, infine, l'intenzione che anima o dovrebbe animare il lavoro culturale: sperimentare forme di soggettività e sviluppare pratiche di pensiero pedagogico e creativo attraverso la differenza di genere, la lotta contro i rapporti di potere e il linguaggio patriarcale.

Completano e arricchiscono il numero: oltre all’editoriale della redazione, le conversazioni con Pietro Gaglianò, Mauro Folci, Simona Bertacco, Le prove di tempo liberato di John Cascone, il testo teorico Il virus è l’idea che abbiamo di noi stessi di Claire Fontaine, READY TO GO UNDER di Silvia Maglioni & Graeme Thomson, READY TO GO UNDER (A map in progress of The Undercommons), l’esercizio DA CHE ARTE STAI? di Chiara Pergola, l’Esercizio sul bene comune delle student* delle Accademie di Brera e Naba, con le docenti Donata Lazzarini e Sara Ricciardi, le biografie.

Hanno collaborato all’inserto La stanza delle meraviglie, Laura Barreca, Maria Rosa Sossai, Giuseppina Pisciotta Tosini, Angelo Cucco.

- - -

fuoriregistro è un collettivo editoriale nato dall’incontro tra artisti e gruppi che operano nel mondo della scuola e dell’arte contemporanea e che lavorano a progetti in cui l’aspetto educativo è fondante. Il collettivo ha scelto di intervenire in contesti eterogenei con un approccio che non si limita alla teoria ma che mette in evidenza pratiche ed esperienze in ambiti territoriali e geografici diversi. Fanno parte della redazione Maria Rosa Sossai, Maria Pia Bevilacqua, Sara Maria d’Onofrio, Marianna Fazzi, Paola Gaggiotti, Donata Lazzarini, Marco Passaro.

Partner del progetto sono lo Studio Boîte e Federica Cimatti, editor per l’arte contemporanea. 

fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune
fuoriregistro #2 Bene comune